CBD epilessia | CBD olio epilessia

Trattare l’Epilessia: CBD vs farmaci convenzionali

CBD ed epilessia
Che cos’è l’epilessia?
Che cosa sono le convulsioni?
Farmaci convenzionali
CBD per l’epilessia
Studi clinici sugli effetti del CBD per l’epilessia e le convulsioni
Dosaggio del CBD nel trattamento dell’epilessia
CBD per il trattamento dell’epilessia negli animali
Trattare l’epilessia con prodotti a base di CBD

CBD ed epilessia

L’epilessia può essere una delle condizioni più difficili da gestire, sia per bambini che per adulti. Poiché esistono diverse forme di epilessia, essa può essere una condizione particolarmente difficile da trattare e convivere. Le persone che hanno l’epilessia possono essere sottoposte a numerosi farmaci da prescrizione, procedure e interventi chirurgici nel tentativo di ridurre le convulsioni e, tuttavia, molti non trovano sollievo.

Coloro che sono particolarmente colpiti dalla diagnosi di epilessia sono i bambini. L’epilessia tende a manifestarsi nei bambini o negli adulti di età superiore ai 60 anni. I due sindromi, la sindrome di Lennox-Gastaut e la sindrome di Dravet, sono due forme di epilessia che sono particolarmente diffuse tra i bambini. Entrambe le sindromi si stanno dimostrando difficili da trattare con i farmaci e le procedure farmaceutiche tradizionali.

Da decenni, ricercatori e scienziati hanno studiato gli effetti del CBD sulle crisi epilettiche. Un’intera area di ricerca si è sviluppata silenziosamente in background fino a quando, dopo alcuni importanti cambiamenti in regolamenti e leggi in tutto il mondo, l’olio di CBD per l’epilessia ha colpito il mainstream.

Innanzitutto, ci sono stati incredibili casi studio, come quello di Charlotte Figi e Charlotte’s Web, che tratteremo in maggior dettaglio. Poi sono arrivati gli studi clinici, i test e i documenti di ricerca. Nel 2018, il primo farmaco a base di cannabis è stato regolato dalla FDA dopo che gli studi clinici hanno avuto successo nel dimostrare l’efficacia del CBD nel ridurre le convulsioni.

In questo articolo, esploreremo la scienza e la biologia di ciò che sono le convulsioni e come e perché il CBD le influenza. Confronteremo le differenze tra i farmaci convenzionali usati per il trattamento dell’epilessia e il CBD e parleremo di alcune delle storie e studi clinici sugli effetti del CBD sull’epilessia più famosi.

In questo articolo troverai anche molte informazioni utili, dal dosaggio corretto agli effetti collaterali, al trattamento delle convulsioni del tuo animale domestico con CBD. Alla fine, dovresti avere tutte le informazioni necessarie sul trattamento dell’epilessia con l’olio di CBD rispetto alla medicina convenzionale.

Che cos’è l’epilessia?

L’epilessia è una condizione che colpisce il sistema nervoso interrompendo l’attività delle cellule nervose nel cervello, causando convulsioni frequenti. L’epilessia si manifesta spesso nella prima infanzia o nelle persone di età superiore ai 60 anni. Alcune persone superano l’epilessia mentre altre ne soffrono per tutta la vita.

Esistono più di dieci tipi di epilessia, a seconda del tipo di convulsioni. Poiché l’epilessia colpisce il cervello, può comunque avere una vasta gamma di sintomi, tra cui confusione temporanea, movimenti involontari delle braccia e delle gambe e perdita di coscienza o di consapevolezza.

Le cause principali dell’epilessia cambiano in qualche modo a seconda dell’età della persona. Nei neonati, l’epilessia può essere causata da danni al cervello o mancanza di ossigeno durante la nascita o bassi livelli di zucchero, calcio o magnesio. Anche l’uso di droghe durante la gravidanza è stato collegato a convulsioni ed epilessia.

Nei bambini, anche i fattori genetici, condizioni congenite come la sindrome di Down, la sclerosi tuberosa e la neurofibromatosi e il trauma cranico, possono causare l’epilessia.Circa il 30% dei bambini con il disturbo dello spettro autistico può anche soffrire di convulsioni . Il tessuto cicatriziale nel cervello che rimane dopo le infezioni è anche una delle cause di epilessia nei bambini e giovani adulti.

Negli anziani, l’epilessia è spesso causata da danni al cervello a causa di un ictus o di un trauma cranico. È stato anche dimostrato che la malattia di Alzheimer e i tumori cerebrali possono causare epilessia e convulsioni.

Che cosa sono le convulsioni?

Le convulsioni sono improvvise esplosioni di attività elettriche nel cervello. Questo disturbo può cambiare il comportamento, i movimenti e i sentimenti di qualcuno, nonché lo stato di coscienza. Mentre i fattori psicologici causano alcuni tipi di convulsioni, se qualcuno ha numerose convulsioni ricorrenti, spesso questo può essere un segno dell’epilessia.

Esistono diversi tipi di convulsioni epilettiche, a seconda dei sintomi. Il principale gruppo di convulsioni di cui parleremo si chiamano convulsioni refrattarie.

Se qualcuno viene diagnosticato con convulsioni refrattarie, significa che i farmaci non aiutano a tenere sotto controllo le convulsioni. Le convulsioni refrattarie sono anche chiamate epilessia incontrollata, intrattabile, refrattaria e resistente ai farmaci.

L’area in cui il CBD per l’epilessia ha mostrato le maggiori promesse è nel trattamento delle persone con convulsioni refrattarie. Ci sono stati anche molti progressi nell’uso del trattamento a base di CBD per aiutare a gestire le convulsioni associate alla sindrome di Lennox-Gastaut e alla sindrome di Dravet, due sindromi di epilessia particolarmente difficili, nessuna delle quali è facilmente curabile con farmaci o procedure tradizionali.

trigger di epilessia | cbd epilessia infografica

Farmaci convenzionali

Per anni, le persone hanno trattato l’epilessia o hanno provato a trattarla, con farmaci progettati e realizzati da aziende farmaceutiche. Questi farmaci sono chiamati farmaci antiepilettici (AED). Per esempio, Lamictal è uno dei farmaci comuni per l’epilessia parziale. L’acido valproico è comune per l’epilessia generalizzata.

Altri farmaci antiepilettici comuni che sono regolarmente prescritti alle persone con epilessia contengono sodio valproato, carbamazepina, lamotrigina e levetiracetam. I studi clinici mostrano che i farmaci antiepilettici non curano l’epilessia, ma alcuni aiutano a ridurre e persino a fermare il numero e la frequenza delle convulsioni e delle crisi.

Per alcune persone, tuttavia, i farmaci antiepilettici non hanno alcun effetto. Quando ciò accade, alle persone viene spesso prescritta una combinazione di due o più medicinali contemporaneamente con diverse procedure per la loro assunzione, poiché i medici devono quasi indovinare cosa potrebbe effettivamente funzionare e cosa no.

Quando i farmaci antiepilettici non hanno effetto, i trattamenti alternativi per l’epilessia includono dispositivi impiantabili che inviano impulsi elettrici (chiamati stimolazione del nervo vago) al cervello, nonché diete speciali come la dieta chetogenica e persino procedure invasive come la chirurgia cerebrale.

Negli ultimi anni, la dieta chetogenica ha guadagnato popolarità per il trattamento di alcune persone con l’epilessia, in particolare per i bambini, ovvero bambini con convulsioni refrattarie (convulsioni che non rispondono ai farmaci). La dieta chetogenica è una dieta ricca di grassi e povera di carboidrati e viene attentamente monitorata da un dietista quando utilizzata nel trattamento delle persone con convulsioni.

Uno dei principali problemi dei farmaci antiepilettici e dei trattamenti convenzionali per l’epilessia e le convulsioni sono gli effetti collaterali. Molti farmaci antiepilettici presentano effetti collaterali impegnativi, che possono comprendere vertigini, nausea, irritabilità, vomito ed eruzione cutanea. Altri effetti collaterali comuni dei farmaci antiepilettici possono includere cambiamenti nelle emozioni, nel comportamento e nella memoria.

Poiché i medici prescrivono sempre più farmaci o sottopongono le persone con convulsioni refrattarie a una forma più estrema di trattamento come la chirurgia del cervello o un dispositivo impiantato gli effetti collaterali possono essere ancora più frequenti e difficili da convivere.

CBD per l’epilessia

L’utilizzo della canapa, ovver più specificamente, il composto CBD della pianta, ha guadagnato la fama come trattamento per l’epilessia e convulsioni nel 2011, quando Charlotte Figi è diventata “la ragazza che ha cambiato per sempre le leggi sulla marijuana medica”.

Nata nel 2006, Charlotte Figi soffriva della sindrome di Dravet fin da piccola, subendo numerosi attacchi di convulsioni al giorno. Dopo le sue prime dosi di Charlotte’s Web, una varietà di canapa particolarmente ricca di CBD, ha ottenutno un’immediata riduzione dei suoi attacchi epilettici.

La sua storia divenne nota a livello mondiale e divento una delle figure più famose per la legalizzazione dell’uso della cannabis a scopo terapeutico. Negli ultimi anni, il trattamento a base di CBD è stato al centro di molte ricerche scientifiche poiché i medici stanno cercando di trovare una cura per le convulsioni refrattarie.

Molte persone si rivolgono al CBD per il trattamento dell’epilessia non solo per la sua efficacia, ma anche per il fatto che è un’alternativa naturale ai prodotti farmaceutici senza molti effetti collaterali potenzialmente pericolosi.

Abbiamo già discusso i potenziali effetti collaterali dei farmaci tradizionali per l’epilessia. Rispetto a loro, gli effetti collaterali del CBD tendono ad essere molto più lievi. Gli effetti collaterali del CBD possono includere secchezza delle fauci, bassa pressione sanguigna, sonnolenza e mancanza di appetito.

Grazie ai sui benefici per pazienti con l’epilessia, la comunità medica sta rapidamente passando ai prodotti CBD. Qui in Slovenia, ad esempio, se i farmaci convenzionali non funzionano i pediatri prescrivono ai bambini con epilessia i nostri prodotti a base di CBD.

I prodotti CBD offrono un sollievo immediato a molte persone che soffrono di convulsioni epilettiche. Gli studi hanno dimostrato l’efficacia del trattamento con CBD sia negli animali che negli umani, cosi con il CBD a spettro completo come con l’isolato di CBD.

L’olio di CBD a spettro completo contiene tutti i cannabinoidi e materiali vegetali della pianta di canapa, tra cui flavonoidi e terpeni. Questo può produrre l’effetto entourage il che significa che i cannabinoidi e i terpeni agiscono in sinergia per produrre risultati ancora migliori rispetto al solo CBD (chiamato isolato di CBD).

Studi clinici sugli effetti del CBD per l’epilessia e le convulsioni

Nel 2018, l’Epidiolex è diventato il primo prodotto CBD in assoluto ad essere approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti. Questa decisione fondamentale è stata uno dei momenti chiave per aumentare la consapevolezza delle persone sui benefici dell’utilizzo del CBD per il trattamento dell’epilessia.

epdolex | FDA approved drug | CBD for epilepsy

Epidiolex è stato approvato dalla FDA per il trattamento della sindrome di Lennox-Gastaut e della sindrome di Dravet in pazienti di età pari o superiore a 2 anni. Per questo motivo, il CBD è il primo farmaco approvato dalla FDA per aiutare a trattare i pazienti con la sindrome di Dravet.

Nel 2014, l’efficacia di Epiliodex nel trattamento dell’epilessia è stata testata da GW Research Ltd., quando oltre 500 pazienti hanno preso parte a tre studi clinici randomizzati, in doppio cieco, controllati con placebo. Tutti i soggetti del test hanno sofferto della sindrome di Lennox-Gastaut o della sindrome di Dravet. I risultati dei test hanno mostrato chiaramente che i pazienti che assumevano Epidiolex a base di CBD, insieme ad altri farmaci, avevano meno convulsioni rispetto a quelli che assumevano solo il placebo.

Dopo il successo di alto profilo degli studi clinici su Epidiolex, molti medici in tutto il mondo stanno rapidamente diventando consapevoli del vero potenziale del CBD nel trattamento dell’epilessia. Qui a Hempika, lavoriamo a stretto contatto con il Dr. Neubauer, un noto pediatra in Slovenia specializzato nel trattamento di bambini con epilessia.

Dosaggio del CBD nel trattamento dell’epilessia

Quando si tratta di scegliere la potenza dell’olio di CBD per il trattamento dell’epilessia, ci sono alcune cose da tenere in mente. Innanzitutto, come con qualsiasi prodotto a base di CBD, è consigliabile iniziare con una dose bassa e aumentarla gradualmente. Non è necessario che dosi più elevate producono effetti migliori, poiché ogni persona e il loro sistema nervoso sono diversi e hanno bisogno di dosi diverse.

Per risultati ottimali, inizia la tua dose di CBD tra il 1,5 e 2,5 mg di CBD per chilogrammo di peso corporeo. Ad esempio, se pesi 60 kg, potresti iniziare con 90 mg di CBD. Una volta provato, puoi aumentare la dose per vedere cosa funziona meglio per te. È meglio prendere 3-4 dosi al giorno per essere efficace, poiché il CBD ha un’emivita di 6-8 ore.

CBD per il trattamento dell’epilessia negli animali

I benefici dell’olio di CBD per l’epilessia negli animali è un’area di ricerca che supporta ciò che stiamo vedendo nel trattamento delle persone. Insieme a studi clinici condotti su ratti, ci sono stati alcuni studi per dimostrare l’efficacia del CBD nel ridurre le convulsioni nei cani. Il CBD sta rapidamente diventando un trattamento popolare per le convulsioni canine.

Tutti i vertebrati hanno sistemi endocannabinoidi, il che significa che possono trarre beneficio dal CBD. Uno degli studi clinici ha rilevato che quasi il 90% dei cani che ha ricevuto CBD ha mostrato una riduzione della frequenza delle convulsioni. I veterinari di tutto il mondo si stanno sintonizzando sulle possibilità rivoluzionarie del trattamento del CBD per le convulsioni negli animali.

Trattare l’epilessia con prodotti a base di CBD

Se tu o qualcuno che conosci soffre di epilessia, parlate con il vostro medico della possibilità di aggiungere il CBD al trattamento esistente. Gli ampi benefici del CBD fanno bene alla mente, al corpo e al cervello.

Le ultime ricerche scientifiche ci provano che il CBD si sta dimostrando un un’alternativa sicura ai medicinali convenzionali per il trattamento dell’epilessia. L’olio di CBD è ad azione rapida ed è efficace nel trattamento di diversi tipi di epilessia, in particolare sulle forme di epilessia su cui i farmaci tradizionali non funzionano come la sindrome di Lennox-Gastaut o la sindrome di Dravet nei bambini.

L’epilessia può influenzare profondamente la persona a cui è stata diagnosticata e le persone circostanti. Se possiamo aiutare ad alleviare parte dello stress o dei sintomi causati dalla condizione, allora sentiamo che stiamo facendo il nostro lavoro.

Se hai altre domande sul trattamento dell’epilessia con CBD, ti preghiamo di contattarci.

Autore: B. W.

© Copyright 2016-2020, Hempika®. Tutti i diritti riservati.
Fonti
  • https://www.webmd.com/epilepsy/news/20180928/dea-reschedules-cbd-drug-for-epilepsy
  • https://www.epilepsy.com/learn/about-epilepsy-basics/what-causes-epilepsy-and-seizures
  • https://www.tmc.edu/news/2018/06/treating-epilepsy-with-cbd-oil/
  • https://www.verywellhealth.com/cannabidiol-cbd-for-epilepsy-4172643
  • https://www.epilepsy.com/learn/treating-seizures-and-epilepsy/other-treatment-approaches/medical-marijuana-and-epilepsy
  • https://www.webmd.com/epilepsy/refractory-epilepsy#1
  • https://www.webmd.com/epilepsy/news/20070322/best-first-choice-drugs-epilepsy-idd#1
  • https://epilepsychicago.org/epilepsy/treatment/about-side-effects/
  • https://www.fda.gov/news-events/press-announcements/fda-approves-first-drug-comprised-active-ingredient-derived-marijuana-treat-rare-severe-forms
  • https://www.cbdepot.eu/pages/blog/the-worlds-first-cbd-of-natural-origin-and-gmp-pharma-grade-hits-the-market
  • https://www.sciencedaily.com/releases/2019/05/190521101450.htm
  • https://www.dogsnaturallymagazine.com/cbd-oil-for-seizures-in-dogs/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *