Canapa dalla A alla Z | Canapa

Canapa dalla A alla Z: Tutto quello che devi sapere sulla canapa

Ti sei mai chiesto da dove proviene la canapa? Vuoi espandere la tua conoscenza sulla sua storia? Sapevi che ha più di 50.000 diversi tipi di usi? Leggi di più e scoprirai alcuni fatti che ti sorprenderanno!

Utilizzo di canapa

Origine e storia della canapa/cannabis
Canapa nell’alimentazione
Canapa in cosmetica
Canapa in medicina
Canapa, tessile e fibre
Canapa nell’edilizia
Canapa e Marijuana
Canapa in futuro

Cos’è la canapa? La canapa (Cannabis sativa L.) è una pianta dioica appartenente alla famiglia delle Cannabaceae, tra cui bagolaro e luppolo, e ha tre sottospecie: Cannabis sativa, Cannabis indica e Cannabis ruderalis. Sebbene le diverse varietà della canapa sono molto simili tra loro, ognuna ha diverse proprietà, profili dei cannabinoidi, contenuto di terpeni e altri ingredienti attivi. Le proprietà della canapa dipendono anche dalle condizioni nelle quali crescono come il clima, suolo, nutrienti e dall’esposizione alla luce.

Canapa sativa Canapa indica Canapa ruderalis

La Cannabis sativa e la Cannabis indica sono entrambe varietà fotoperiodiche della canapa/cannabis, il che significa che il loro ciclo vitale può essere diviso in due parti: crescita e fioritura. Per questo motivo, le piante possono crescere molto più alte (fino a 6 metri) rispetto alla Cannabis ruderalis. Il ciclo vitale della Ruderalis invece, non può essere diviso, poiché inizia il suo processo di crescita/fioritura combinato già alla germinazione. Di conseguenza, la pianta è molto più piccola ovvero alta solo pochi decimetri.

Origine e storia della canapa/cannabis

Secondo i documenti storici, la canapa è originaria dell’Asia, in particolare della regione himalayana. Sebbene nessuno sia abbastanza sicuro quali tribù o popoli erano i primi a usare questa pianta benefica, è noto che già oltre 10.000 anni fa essa fu usata a Taiwan.

Inizialmente, la canapa veniva usata per la decorazione della ceramica, per l’abbigliamento (secondo alcune fonti, la canapa era la prima coltura dedicata alla produzione del tessile), le calzature, corde, forme iniziali di carta e come fonte di cibo. Dalla maggior parte delle tribù, la canapa/cannabis era considerata un dono o tesoro degli dei e veniva usata in numerosi rituali.

Secondo i dati storici, la canapa/cannabis fu usata per la prima volta per le sue proprietà medicinali tra il 2838 e il 2698 a.C. in Cina. Le sue proprietà medicinali furono elencate dall’imperatore allora regnante: Shen Nung (l’imperatore rosso). La canapa/cannabis si usava principalmente per alleviare il dolore e si preparavano oli e tisane. Mentre per una guarigione più rapida delle ferite avvolgevano le foglie fresche attorno alla lesione.

Canapa shen nung-yin pang

Nel circa 400 a.C., la mummia di Yin Pang fu scoperta nella zona della Cina. Questa è stata una scoperta importante ed è scritta nei libri di storia come la prima scoperta e uso della bio-plastica di canapa. Al giorno d’oggi, la bio-plastica di canapa viene utilizzata per la produzione di componenti per automobili, mobili e molti altri prodotti innovativi e rispettosi dell’ambiente.

Il primo libro stampato (la Bibbia di Gutenberg) è stato stampato su carta di canapa. Fatto interessante: la banconota da 10 $ del 1914 è stata stampata su carta di canapa e l’immagine sul retro della stessa mostra i contadini che raccolgono la canapa.

Canapa gutenberg bibbia

In America, tra il 16. e il 19. secolo, la cannabis poteva essere usata anche per pagare le tasse. Durante questo periodo, non coltivare canapa era addirittura illegale e si poteva persino andare in galera per questo.

All’inizio dello sviluppo dell’industria automobilistica, l’olio raffinato di semi di canapa fu usato come carburante, finché l’industria petrolifera e la proibizione praticamente eliminarono la canapa ecologica.

Oggigiorno, l’uso della canapa/cannabis nel settore edilizio sta diventando sempre più diffuso. La canapa viene principalmente utilizzata grazie alla sua funzione come eccellente isolamento, per la sua leggerezza, estensibilità (adatta per aree sismiche) e accessibilità. La canapa è stata utilizzata (circa 500 d.C.) per l’isolamento di pareti, pavimenti e soffitti persino in una delle 34 grotte, che fanno parte delle Grotte di Ellora in India, ma ancor prima di questo fu usata come isolante per le navi.

Canapa grotte di ellora

L’avanzamento della tecnologia ci ha portato stampanti 3D, che possono stampare le più piccole figurine immaginabili o addirittura le case. Poiché la canapa è considerata molto resistente, il suo uso nelle stampanti 3D sta diventando sempre più comune.

Canapa nell’alimentazione

Uno dei primi usi della canapa/cannabis era come fonte di cibo. Inizialmente, la canapa/cannabis era solo il cibo dei poveri, ma in seguito, con la scoperta degli effetti benefici, la canapa si diffuse e fu usata non solo per combattere la fame ma anche come integratore alimentare.

Olio di semi di canapa

L’olio di canapa è sicuramente il prodotto alimentare di canapa più diffuso. L’olio di semi di canapa viene prodotto con la spremitura a freddo di semi di canapa, che contengono un rapporto ideale (per l’uomo) di acidi grassi essenziali omega 3 e omega 6. Inoltre, i semi ricchi di proteine, fibre solubili e insolubili, vitamine e minerali.

Benefici dell’olio di semi di canapa:

  1. Riduce infiammazioni
  2. Migliora la salute del cuore
  3. Riduce i sintomi della PMS
  4. Allevia i crampi mestruali
  5. Migliora la digestione
  6. Previene la formazione di vene varicose
  7. Allevia i sintomi del diabete
  8. Migliora la salute del cervello
  9. Migliora la funzionalità del sistema immunitario
  10. Allevia vari problemi della pelle
  11. Migliora la salute dei capelli e del cuoio capelluto
  12. Ecc.

Semi di canapa

Inizialmente, cosi come l’olio, anche i semi di canapa venivano usati principalmente come cibo per i poveri e animali. Poiché i semi di canapa possono avere molti effetti benefici, anche il ceto alto ha cominciato a consumarli. Al giorno d’oggi, l’utilizzo dei semi di canapa è molto diffuso e possiamo trovarli in diversi negozi, ristoranti e case. Sono disponibili sia i semi di canapa decorticati che semi di canapa interi. Possiamo consumarli come piatto principale, in aggiunta a insalate, muesli, yogurt, pasta, salse e altri piatti pronti e freddi. I semi di canapa sono deliziosi se tostati con un po’ di erbe, germinati e gustati come germogli freschi, usati anche per preparare il latte di canapa.

Cosi come l’olio di canapa, anche i semi di canapa sono ricchi di acidi grassi omega, fibre alimentari, proteine vegetali, vitamine ed enzimi e sono considerati in generale semi con un più alto valore nutrizionale.

Farina di canapa integrale e proteine di canapa

La farina di canapa integrale e le proteine di canapa sono entrambi prodotti da semi di canapa, più precisamente dalla crusca di semi di canapa – il sottoprodotto della spremitura a freddo dei semi di canapa per la produzione dell’olio. La crusca è ricca di proteine, fibre alimentari, vitamine e minerali. Con un ulteriore elaborazione della crusca otteniamo la farina di canapa. Essa può essere finemente setacciata, quindi le particelle più grandi che contengono principalmente fibre, vengono separate. Questo ci lascia una farina di canapa finemente setacciata e ricca di proteine ovvero le proteine di canapa in polvere.

La farina di canapa integrale e le proteine di canapa sono in realtà prodotti molto simili. La farina di canapa è ricca di fibre alimentari (presenti in particelle più grandi), mentre le proteine di canapa in polvere, come ci dice già il nome, sono più ricche di proteine (trovate nelle particelle più piccole della crusca di semi di canapa).

Entrambi i prodotti sono vegani, non causano allergie e sono un’ottima fonte di proteine. Si ritiene anche (a causa del loro valore nutrizionale) che siano una delle migliori farine/proteine vegetali che si possono trovare sul mercato. Inoltre contribuiscono a migliorare la digestione, il metabolismo, la salute del cuore, la rigenerazione e il benessere generale.

Tisana di canapa

Il tè di cannabis (tisana di canapa) viene utilizzato principalmente per i suoi effetti benefici e per il piacevole rilassamento che ci offre. Forse non lo sapevi, ma esistono diversi tipi di tisane di canapa/cannabis che possono essere preparate da varie parti della canapa/cannabis. Probabilmente la meno conosciuta, ma usata già migliaia di anni fa, è la tisana di cannabis/canapa fatta dalle radici. Essa fu usata principalmente per trattare il sanguinamento post-natale, gotta, ulcere, mal di denti e febbre, ma si rivelò efficace anche in altre aree. La tisana dalle radici di canapa/cannabis non contiene cannabinoidi, ma contiene molti altri composti chimici utili.

Conosciamo anche altri tipi di tisane di canapa e/o di cannabis – la tisana di canapa giovane, tisana di canapa preparata da piante mature (infiorescenze/tricomi e foglie) e la tisana di marijuana. Con la tisana di canapa giovane, non consumiamo cosi tanti cannabinoidi come con la tisana, preparata da canapa o marijuana matura, ma consumiamo molte più vitamine e clorofilla. Con la canapa giovane possiamo aiutare a disintossicare il corpo, prevenire la formazione di calcoli renali, migliorare la digestione e molto altro. I cannabinoidi, che possono essere consumati con la tisana di canapa o la tisana fatta di marijuana matura (per l’ingestione di cannabinoidi, è necessario aggiungere un po’ di grasso al tè, poiché i cannabinoidi si legano ad esso), aiutano ad alleviare ed eliminare molti problemi della salute (elencati nella sezione Canapa come medicina).

Canapa in cosmetica

I cosmetici con canapa sono i prodotti “da non perdere”. Anche se la maggior parte dei cosmetici di canapa contiene solo l’aggiunta dell’olio di semi di canapa, l’uso del cannabidiolo (CBD) e degli estratti dell’intera gamma di cannabinoidi nei cosmetici è diventato sempre più diffuso, grazie ai numerosi studi che provano il loro enorme potenziale terapeutico.

Nei cosmetici (per la cura della pelle, del cuoio capelluto e delle unghie), l’olio di canapa può essere usato da solo, o come aggiunta a molti prodotti come:

  1. Unguenti
  2. Shampoo
  3. Balsami
  4. Creme
  5. Rossetti
  6. Saponi
  7. Deodoranti
  8. ecc.

I recettori dei cannabinoidi sono diffusi in tutto il corpo umano, compresa la pelle. Questi recettori sono “responsabili” per un efficace assorbimento dei cannabinoidi che possono essere trovati in un numero crescente di prodotti cosmetici (balsamo con CBD, crema viso con CBD, ecc.). Quando si applicano prodotti cosmetici a base di canapa contenenti cannabinoidi (unguento CBD, balsamo CBD, …), essi vengono assorbiti attraverso la pelle dai recettori dei cannabinoidi che con l’aiuto del sistema endocannabinoide possono aiutare ad alleviare o addirittura eliminare diverse condizioni come:

  1. Acne
  2. Psoriasi
  3. Infiammazioni
  4. Dolore
  5. Artrite
  6. Reumatismi
  7. Brufoli
  8. Ecc.

L’utilizzo di cosmetici a base di canapa è uno dei modi migliori per alleviare numerosi problemi dermatologici.

Canapa in medicina

Come accennato in precedenza, la canapa/marijuana è utilizzata per le sue proprietà medicinali per quasi 5000 anni. Millenni fa, la canapa/marijuana era usata come anestetico (parola cinese per anestesia – mázui (麻醉) in traduzione letterale significa avvelenamento da canapa/cannabis), per la rimozione di coaguli di sangue, tenia, trattamento delle emorroidi, dolore agli occhi, mal di testa, problemi digestivi, dolore al parto, …

Nel corso della storia, la conoscenza della canapa e della marijuana è stata costantemente migliorata e le sue proprietà antiepilettiche erano note già nel medioevo. Inoltre, la canapa è stata usata come diuretico, antiemetico, antipiretico e anche per le sue proprietà antinfiammatorie e analgesiche.

Nel 1800 l’interesse per le medicine a base di canapa raggiunse il culmine e all’inizio del 1900 numerose medicine contenevano un “ingrediente segreto” – la canapa. Alcuni anni dopo, l’uso di medicine per via endovenosa e l’invenzione di medicine moderne hanno messo la canapa da parte. Prima di questo (e del divieto di massa sull’uso della canapa), più di 2000 di questi medicinali, realizzati da circa 300 produttori, potevano essere trovati sugli scaffali delle farmacie.

L’isolamento dei singoli cannabinoidi e la successiva scoperta del sistema endocannabinoide (la sua scoperta è considerata la seconda scoperta più importante nella storia della medicina, immediatamente dopo l’uso di tecniche sterili) portò a un rinnovato interesse per la canapa. Ciò è risultato in numerose ricerche, che hanno confermato diversi effetti benefici della canapa/marijuana. La tecnologia odierna è progredita fino a questo punto, che possiamo separare selettivamente i singoli cannabinoidi, il che ci consente di “ricercare” facilmente il loro impatto sull’organismo. Per la maggior parte dei problemi di salute che possono essere alleviati dalla canapa/marijuan, si raccomanda di utilizzare l’intero spettro (completo) di cannabinoidi poiché sono più efficaci in sinergia (effetto entourage).

Con la canapa e/o la marijuana possiamo prevenire l’insorgenza, alleviare i sintomi e persino eliminare numerosi problemi come:

  • Acne
  • DDA and DDAI
  • Diverse dipendenze
  • AIDS
  • SLA
  • Alzheimer
  • Anoressia
  • Resistenza agli antibiotici
  • Ansia
  • Aterosclerosi
  • Artrite
  • Asma
  • Autismo
  • Disturbo bipolare
  • Cancro
  • Problemi digestivi
  • Depressione
  • Diabete
  • Disturbi endocrini
  • Epilessia e crisi epilettiche
  • Fibromialgia
  • Glaucoma
  • Malattie del cuore
  • Malattia di Huntington
  • Infiammazioni
  • Sindrome dell’intestino irritabile
  • Malattie renali
  • Malattie del fegato
  • Sindrome metabolica
  • Emicrania
  • Disturbi dell’umore
  • Chinetosi
  • Sclerosi multipla (SM)
  • Nausea
  • Neuro degenerazione
  • Dolore cronico
  • Obesità
  • Disturbo ossessivo-compulsivo (DOC)
  • Osteoporosi / Salute delle ossa
  • Malattia di Parkinson
  • Malattia di Creutzfeldt-Jakob (MCJ)
  • Disturbo post-traumatico da stress (DPTS)
  • Reumatismi
  • Schizofrenia
  • Anemia falciforme
  • Problemi di pelle
  • Disturbi del sonno
  • Lesioni del midollo spinale
  • Stress
  • Ictus
  • Trauma cranico
  • Malattie infiammatorie croniche intestinali
  • Ecc.

Nonostante il fatto che molti effetti benefici della cannabis siano già stati dimostrati e che le persone li conoscano da millenni, ci sono ancora pregiudizi sull’uso della canapa per scopi medici. Ciò è dovuto principalmente al lungo abuso della canapa e al fatto che molte persone quando sentono la parola canapa, la associano solo ad effetti stupefacenti. Il secondo e più importante fattore, tuttavia, è che la farmacia teme la perdita del suo monopolio da miliari di euro, pertanto, a causa della crescente pressione, è necessario cercare soluzioni che non avranno un impatto significativo sulla loro insaziabile fame di soldi.

Canapa Bilancia della giustizia

Canapa, tessile e fibre

Anche se non possiamo dire che le fibre di canapa siano le più morbide, possiamo sicuramente essere d’accordo sul fatto che sono una delle fibre più robuste, resistenti a muffa, sale e luce UV. Proprio a causa di queste proprietà, le fibre di canapa venivano usate per produrre, oltre ai vestiti, anche le corde e vele per barche per secoli. I Cinesi erano i primi ad usare la canapa per la produzione della carta, che, a differenza della carta comune, si conserva molto più tempo. Persino pittori famosi, come Van Gogh e Rembrandt, usavano teli di canapa (la parola canvas (telo) deriva dalla parola cannabis).

Canapa Fibre di canapa

Come già menzionato, si dice che la canapa è stata la prima coltura intenzionalmente coltivata per la produzione del tessile. A causa delle forti fibre e delle esigenze della classe operaia in abiti di qualità e robusti, Levi Strauss ha realizzato i suoi primi jeans in fibra di canapa.

La fibra di canapa viene leggermente ammorbidita ad ogni lavaggio, tuttavia, la maggior parte dei produttori decide di combinare la canapa con ad es. cotone. Fatto interessante: la canapa può produrre fino al 250% di fibre in più nella stessa area rispetto al cotone e fino al 600% in più rispetto al lino.

Oltre alla durabilità e resistenza, le fibre di canapa e la coltivazione per acquisirle, hanno numerosi benefici ed effetti positivi sull’ambiente:

  1. Produzione biologica
  2. La canapa non richiede l’uso di pesticidi, erbicidi o fertilizzanti artificiali per la sua crescita. Inoltre, pulisce, allenta e mantiene l’umidità del suolo, che è un ottimo prerequisito per la coltivazione, non solo della canapa, ma anche altre colture. È considerata una risorsa rinnovabile eccellente, poiché il ciclo vitale della canapa dura solo pochi mesi.
  3. Ipoallergenico
  4. Le fibre di canapa sono ipoallergeniche – non causano allergie e pelle irritata. Si dice anche che le fibre di canapa potrebbero “uccidere” alcuni batteri (compresi i batteri di Staphylococcus) quando entrano in contatto l’uno con l’altro.
  5. Respirazione e protezione
  6. Una scelta eccellente durante l’estate, poiché la fibra di canapa respira, assorbe l’umidità e ci protegge dai raggi UV.
  7. Canapa nell’edilizia

    Come già noto, la canapa ha decine di migliaia di usi, e alcuni di essi sono anche nel settore edilizio. Mattoni, blocchi, cemento e isolamento (lana di canapa) possono tutti essere fatti con la canapa.

    Sostituendo i materiali da costruzione convenzionali con la canapa industriale, possiamo anche migliorare la qualità della vita. Ma come? Soprattutto in un ambiente umido in cui si verificano spesso muffe e possono avere un effetto significativo sul sistema respiratorio e sulla salute, l’uso di materiale da costruzione di canapa è più che benvenuto, in quanto è arioso e resistente alla muffa. L’isolamento di canapa è un eccellente sostituto ecologico per la lana di vetro e lana di roccia siccome ha proprietà isolanti simili a quest’ultima.

    Canapa e Marijuana

    Aspetto

    La differenza più evidente tra la canapa e marijuna è nel suo aspetto. La canapa è generalmente più alta nella crescita, ha foglie strette, pochi rami e piccole infiorescenze. Le varietà della marijuana sono generalmente cespugliose, con molti rami, foglie più larghe e infiorescenze/tricomi più compatti.

    Queste caratteristiche rappresentano un fattore importante nel modo in cui la cannabis viene seminata e coltivata. La canapa è quasi sempre seminata a soli 10 cm di distanza, mentre la marijuana è solitamente piantata a pochi metri di distanza. Di solito, la canapa ha un ciclo di vita più lungo (da circa 100 a 150 giorni) rispetto alla marijuana, il cui ciclo di vita è di circa 90 giorni (a seconda della varietà).

    Cannabinoidi

    La seconda notevole e probabilmente più importante differenza tra canapa e marijuana è il contenuto di cannabinoidi. Quindi, cosa sono esattamente i cannabinoidi? I cannabinoidi sono composti chimici terpenofenolici che attivano (o dovrei dire legano a) i recettori cannabinoidi diffusi in tutto il corpo umano.

    I cannabinoidi possono essere suddivisi in tre gruppi:

    1. Endocannabinoidi: cannabinoidi prodotti nel corpo umano
    2. Fitocannabinoidi – cannabinoidi di origine vegetale che si trovano nella canapa, marijuana e alcune altre piante
    3. Cannabinoidi sintetici – cannabinoidi prodotti nei laboratori

    Uno dei risultati più importanti nella conoscenza dei cannabinoidi è il chiarimento della struttura molecolare dei due cannabinoidi più importanti (CBD e THC) dallo scienziato israeliano Raphael Mechoulama nel 1963 e nel 1964.

    Nelle varietà industriali della canapa, il THC eccede eccezionalmente il limite consentito dello 0,2%, mentre il contenuto di THC nelle varietà ordinarie è molto più alto (fino al 30%). Le varietà più comuni non contengono molto CBD (di solito inferiore all’1%), mentre quelle industriali possono contenere fino al 3% del detto CBD cannabidiolo. Naturalmente, rilevando gli effetti benefici della CBD, appaiono sempre più varietà medicinali, che possono avere rapporti di THC: CBD da 30: 1 a 1:30.

    CBD e THC

    Per decenni, la cannabis era tutta una questione di essere storditi e il THC, ma questa tendenza sta cambiando rapidamente, poiché le persone stanno diventando più informate su altri composti della canapa, come per esempio il CBD. Il cannabidiolo non ha proprietà psicoattive – ancora meglio (per qualcuno a cui non piace essere “stordito”), può contrastare gli effetti psicoattivi del THC (un degli studi recenti dimostra che in quantità minori, il CBD può potenziare gli effetti stupefacenti, mentre in quantità alte può contrastarlo/diminuirlo). Il CBD può trattare efficacemente le malattie autoimmuni (il maggior potenziale è nel trattamento dell’epilessia), le infiammazioni, la psoriasi e molti altri problemi sopra elencati. Il CBD ha un enorme potenziale terapeutico, ma possiamo dire che è già diventato un dato di fatto che per la stragrande maggioranza dei problemi si consiglia di utilizzare prodotti di canapa con uno spettro completo di cannabinoidi.

    Canapa in futuro

    La canapa ha un enorme potenziale per la sostituzione di numerose materie prime. L’esempio più ovvio è la produzione di carta, poiché ogni anno vengono tagliati circa 7 milioni di ettari di foreste (anche per altri scopi) per produrla. Questa cifra potrebbe essere molto più piccola, perché, al contrario degli alberi, la canapa cresce molto velocemente. Inoltre, la qualità della fibra e della carta è molto più alta. Questo è solo uno degli esempi come possiamo creare un mondo migliore.

    La più grande responsabilità risiede in noi: dobbiamo educarci, poiché possiamo migliorare la qualità della vita, contribuire a un suolo più pulito (la canapa/cannabis si è dimostrata molto efficace nella rimozione dei metalli pesanti dal suolo), ridurre i prodotti non necessari e nocivi per l’ambiente (sacchetti di plastica, imballaggio, ecc.) – tutto ciò con la canapa. La verità molto triste è che molti di questi prodotti atterrano nell’oceano – c’è un’immensa isola di spazzatura che ha persino un nome – The Great Pacific Garbage Patch. Si dice che copre un’area di oltre 1.500.000 chilometri quadrati – potremmo inserire dentro 3 Spagne e rimarrebbe ancora un po’ di spazio.

    Dovremmo rispettare madre natura e cercare di restituire qualcosa, altrimenti, che tipo di pianeta lasceremo alle generazioni future?

    Autore: L. O.

    © Copyright 2016-2020, Hempika®. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *