CBD olio e diabete | CBD e diabete

CBD e diabete: come prevenirlo e curarlo

Grazie ai suoi numerosi effetti terapeutici, i ricercatori e scienziati si stanno rivolgendo al CBD per alleviare i sintomi del diabete di tipo 1 e 2, nonché per trattare di ridurre effettivamente il rischio di una persona di sviluppare il diabete in primo luogo.

Il diabete è uno dei disturbi di salute più diffusi al mondo. In alcune aree del mondo il 35% degli adulti soffre di diabete e ogni anno vediamo sempre più bambini affetti da questa malattia. Aumentando lo zucchero nella nostra dieta e riducendo la quantità di esercizio fisico, il diabete sta rapidamente diventando una piaga per il mondo moderno. Ma il CBD potrebbe aiutarci a trovare la strada giusta per uscirne?

Che cos’è il diabete
Tipi di diabete
CBD e olio di CBD
Come può la canapa aiutare a trattare il diabete?
Come prendere il CBD per il diabete?
Pro e contro del CBD per il diabete
Hempika CBD e diabete

Che cos’è il diabete

Il diabete è un gruppo di disturbi metabolici caratterizzati da alti livelli di zucchero nel sangue, che viene chiamato anche iperglicemia cronica. Il diabete deriva da difetti nel modo in cui il corpo produce o risponde all’insulina.

L’insulina è uno degli ormoni chiave nella regolazione del sistema digestivo. Se il livello di insulina non è equilibrato, il nostro corpo ha difficoltà a metabolizzare carboidrati, grassi e proteine, nonché ad assorbire glucosio dal sangue il quale è essenziale per produrre energia.

I sintomi del diabete variano in gravità a seconda del tipo e della durata della malattia, ma i sintomi del diabete spesso includono minzione frequente, aumento della sete e aumento dell’appetito. Se il diabete non viene trattato, gravi complicazioni a lungo termine possono includere malattie renali, danni ai nervi, malattie cardiache, ictus e persino la morte.

Tipi di diabete

L’American Diabetes Association ottenne una classificazione del diabete nel 1997, separandolo in tre grandi categorie: tipo 1, tipo 2, e diabete gestazionale. Il diabete di tipo 1 tende a colpire le persone in giovane età, infatti era solitamente chiamato “diabete giovanile”. Nel diabete di tipo 1 il sistema immunitario del corpo attacca le proprie cellule produttrici di insulina situate nel pancreas. Le persone con il diabete di tipo 1 lo gestiscono spesso con iniezioni di insulina.

Il diabete di tipo 2 è il tipo più comune di diabete. Si verifica quando il corpo non produce abbastanza insulina o quando le cellule non rispondono correttamente all’insulina. Il diabete di tipo 2 viene talvolta definito diabete a insorgenza tardiva o adulta ed è spesso causato da insufficiente esercizio fisico e obesità.

Il diabete gestazionale colpisce alcune donne in gravidanza poiché gli ormoni e i recettori ormonali dei loro corpi reagiscono alla gravidanza, determinando un aumento del livello di zucchero nel sangue. Tuttavia, il diabete gestazionale di solito scompare dopo il parto.

CBD e olio di CBD

Le persone hanno usato la pianta di cannabis per millenni per beneficiare delle sue numerose caratteristiche terapeutiche, dal sollievo dal dolore durante il parto alla riduzione dell’ansia e al miglioramento della salute del cuore.

Il CBD, abbreviazione di cannabidiolo, è uno dei principi attivi della pianta di Cannabis sativa. Anche se non è né psicoattivo né psicotropico (non ha effetti stupefacenti), il cannabidiolo influisce sul nostro corpo in diversi modi.

Negli ultimi dieci anni, la produzione dell’olio di CBD è diventata un settore importante. Essenzialmente, l’olio di CBD è l’estratto di cannabidiolo dalla pianta di canapa mescolato con un olio vettore (da Hempika, utilizziamo l’olio di semi di canapa spremuto a freddo). C’è stata anche un’esplosione nella ricerca scientifica sui numerosi effetti benefici del CBD, incluso il modo in cui il CBD influenza le persone con il diabete.

Come può la canapa aiutare a trattare il diabete?

Alcuni degli studi scientifici più estesi degli ultimi anni hanno cercato di comprendere la relazione tra il cannabidiolo e il diabete. Gli effetti del CBD sul diabete di tipo 1 e di tipo 2 sono stati ampiamente studiati nelle università e negli ospedali di tutto il mondo e i risultati sembrano promettenti.

Riduce il rischio di diabete di tipo 2

Non abbiamo ancora molti fatti scientifici per mostrare la relazione tra il CBD e diabete di tipo 2 nell’uomo. Tuttavia, uno degli studi più estesi sugli effetti della canapa sul corpo umano era correlato al diabete di tipo 2. Nel corso di dieci anni, i ricercatori svedesi hanno analizzato i dati di quasi 18.000 soggetti test per determinare se la canapa riduce il rischio di diabete di tipo 2.

Mentre lo studio alla fine non ha fornito prove conclusive, c’erano sicuramente segni positivi. Gli scienziati sono pronti a sottolineare che sono necessari studi più dettagliati, in particolare riguardo il potenziale del CBD nel ridurre il rischio di diabete di tipo 2.

Un altro studio del 2006 ha scoperto che il trattamento con CBD riduce significativamente l’incidenza del diabete nei topi non obesi. Nello studio, i risultati indicano che il modo in cui il CBD interagisce con la risposta immunitaria del corpo aiuta a ridurre il rischio di diabete, in particolare il modo in cui inibisce e ritarda l’insulite, una malattia del pancreas causata dall’infiltrazione dei linfociti.

Antiossidante e antinfiammatorio

Lo stress ossidativo e l’infiammazione svolgono un ruolo chiave nello sviluppo del diabete di tipo 2 e nell’esacerbazione delle sue complicanze e sintomi. Poiché il il sistema endocannabinoide influenza significativamente la produzione e l’infiammazione delle specie di ossigeno, i scienziati e ricercatori hanno attivamente esaminato il CBD come potenziale trattamento per il diabete di tipo 2.

In una recensione, i ricercatori hanno scoperto che, poiché i cannabinoidi di origine vegetale, in particolare il CBD, possiedono potenti proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, possiedono “un enorme potenziale terapeutico per il trattamento del diabete.”

Riduce l’infiammazione del pancreas nel diabete di tipo 1

Quando uno ha il diabete di tipo 1, molte delle cellule beta che producono insulina vengono distrutte nel pancreas invadendo le cellule immunitarie chiamate leucociti. Questa invasione spesso provoca l’infiammazione del pancreas, uno dei sintomi del diabete di tipo 1.

Uno studio del 2016 . ha studiato in modo specifico come il trattamento con CBD influisce sull’infiammazione pancreatica precoce causata dal diabete di tipo 1. I risultati hanno dimostrato che i soggetti del test trattati con CBD (in questo caso, i topi) hanno mostrato una riduzione significativa dell’attivazione dei leucociti, con conseguente riduzione dei marker di infiammazione nel pancreas.

Anche se vorremmo vedere più ricerche sulla relazione tra CBD e diabete di tipo 1 nell’uomo, i risultati iniziali sono promettenti. Inoltre, le proprietà anti-infiammatorie del CBD sono note proprio per la loro efficacia nel corpo umano, quindi abbiamo molto di cui sperare quando si tratta di ridurre l’infiammazione del pancreas causata dal diabete di tipo 1.

Declino cognitivo

Le persone con il diabete di tipo 2 hanno un rischio molto più elevato di sviluppare la demenza e gli studi hanno collegato il diabete a lungo termine con il declino cognitivo. In uno studio con ratti diabetici di mezza età, gli scienziati hanno studiato gli effetti del CBD sull’infiammazione cerebrale e la neuroplasticità degli animali.

Dopo trenta giorni, i ratti trattati con il CBD hanno mostrato un miglioramento delle prestazioni della memoria e una riduzione dell’infiammazione dell’ippocampo. D’altra parte, gli animali a cui non era stato somministrato il CBD presentavano deficit cognitivi esacerbati dal diabete.

Mentre questi risultati provengono da studi condotti su animali, esiste una crescente quantità di prove che il CBD aiuta a ridurre il declino cognitivo e c’è molto di cui sperare quando si tratta di usare il CBD per aiutare a ridurre l’infiammazione e aumentare la neuroplasticità per le persone che vivono con il diabete.

Come prendere il CBD per il diabete?

Il cannabidiolo (CBD) può essere assunto in molti modi diversi. Oggi puoi trovare olio di CBD, tintura, pillole, capsule, creme, saponi e altro ancora. Poiché il diabete ha a che fare con i livelli di zucchero nel sangue e nel pancreas, la maggior parte degli studi include l’ingestione di CBD, usando una tintura o attraverso commestibili o integratori alimentari.

Come con ogni nuovo integratore, ti consigliamo di iniziare piano, aumentano lentamente cla dose di CBD per il diabete. Una dose da 10 mg è un buon punto di partenza. Quindi, durante il monitoraggio degli effetti, è possibile aumentare l’assunzione lentamente per un periodo di tempo, di solito nel giro di poche settimane. Le dosi elevate non significano necessariamente più efficacia.

Pro e contro del CBD per il diabete

Una delle cose migliori del CBD è la mancanza di effetti collaterali negativi. La maggior parte degli adulti sani che lo assumono non ha effetti collaterali negativi, e i ricercatori hanno fornito un profilo di sicurezza favorevole.

Alcune persone, pero hanno riportato effetti collaterali, tra cui affaticamento e stanchezza, diarrea e variazioni dell’appetito e del peso. È importante sottolineare che il CBD ha molti meno effetti collaterali rispetto a numerosi altri farmaci e la mancanza di effetti collaterali negativi è uno dei suoi maggiori benefici.

Hempika CBD e diabete

Dalla riduzione dell’infiammazione del pancreas al miglioramento della funzione cognitiva alla riduzione dello stress ossidativo, il CBD mostra numerosi benefici per le persone affette dall’diabete. Sia che aiuti a regolare l’assunzione di zucchero nel tentativo di prevenire il diabete o ad alleviare i sintomi del diabete di tipo 1, il CBD ha il potenziale per aiutare ad alleviare il carico causato da una delle condizioni di salute più diffuse al mondo.

Autore: B. W.

© Copyright 2016-2020, Hempika. Tutti i diritti riservati.
Fonti
  • https://www.projectcbd.org/hub/diabetes
  • https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4478580/
  • https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3349875/
  • https://www.acpjournals.org/doi/abs/10.7326/M14-0737?journalCode=aim
  • https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30430393/
  • https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29607408/
  • https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5098083/
  • https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/16698671/
  • https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27767974/
  • https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2828614/
  • https://www.webmd.com/diabetes/cbd-and-diabetes

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *